Sviluppo di siti in WordPress a Forlì Cesena: pro e contro

sviluppo di siti in wordpress
16Mag, 2021

Swimme è una piattaforma unica nel suo genere perché ti consente di scegliere liberamente quale social network o quale CMS utilizzare per aggiornare i contenuti del tuo sito web. Se ami Facebook, e gestisci già volentieri la tua pagina aziendale all’interno di questo social network, puoi chiedere a Swimme di prelevare da qui i tuoi contenuti più freschi e più importanti e di pubblicarli sul tuo sito.
Se, invece, parliamo di CMS, devi sapere che WordPress è la piattaforma open source più utilizzata al mondo, dai blog e siti personali, a quelli professionali, dalle notizie online, all’utilizzo, appunto, come CMS.
La nostra web agency è specializzata nello sviluppo di siti in WordPress a Forlì Cesena utilizzando la piattaforma Swimme, che le consente di inserire, come un mosaico, tutti i contenuti che meglio rappresentano la tua attività all’interno del tuo sito web.

Facciamo ora un viaggio su internet e scopriamo insieme i pro e i contro di WordPress attraverso i pareri di molti web designer.


Nato come piattaforma per blog

blogger

Le origini di WordPress come piattaforma di blogging sono l’aspetto che, più di ogni altro, provoca pareri discordanti fra i web designer.

C’è che ne vede un grosso limite, perché, anche se espandibile attraverso l’utilizzo di plugin, è caratterizzato da una struttura di base troppo semplice per gestire situazioni più complesse.

Sostenere che, in fondo, ogni sito web può essere riassunto come un insieme di pagine, raggruppate fra loro per argomenti (sezioni tematiche), e che ogni pagina è identificabile con un titolo, testo e foto, può essere vero in moltissimi casi, in altri, invece, molto riduttivo.

Chi, per esempio, vede questo aspetto in maniera positiva, è la freelance Giulia Calchetti che, tra i vantaggi di WordPress, sottolinea la versatilità.

Giulia spiega, all’interno del suo blog, come WordPress, nato nel 2003, nel tempo si è evoluto, permettendo agli utenti di poter realizzare le più disparate tipologie di siti web: dalle landing page ai siti vetrina, dai siti aziendali agli e-commerce.


I problemi legati alla sicurezza e agli aggiornamenti

hacker

Ad elencare i diversi motivi per cui non dovresti scegliere WordPress è la web agency Colombo 3000, in un articolo del suo blog.

Seppure alcuni degli argomenti trattati riguardano le presunte o reali capacità di chi sceglie di realizzare siti con questa piattaforma open source, e non tanto la piattaforma stessa in quanto tale, questo articolo è ricco di spunti.

Partiamo dai problemi legati alla sicurezza e, in particolare, del danno che potrebbero causare alcuni plugin:

  • contenere dei bug 
  • rivelarsi non sicuri
  • non essere aggiornati all’ultima versione di WP fino al punto da non risultare più compatibili

Si tratta di elementi che spesso vengono sottovalutati e che possono creare danni molto gravi al sito web, come l’oscuramento o la presenza, al suo interno, di virus.

La soluzione a questo problema c’è, ed è anche molto semplice, ma alcuni web designer molto “frettolosi” tendono a non prenderla in considerazione:

  • creare periodici backup del sito
  • mantenere aggiornato WordPress alla sua ultima versione
  • aggiornare gli stessi plugin
  • verificare l’affidabilità dei creatori di ogni plugin prima di utilizzarlo
  • acquistare temi e plugin a pagamento solo da rivenditori affidabili


La lentezza nell’apertura delle pagine può causare un peggioramento nell’esperienza dell’utente e un calo di posizionamento su Google

lentezza di un sito in wordpress

Un’altra falla molto evidente di alcuni siti sviluppati in WordPress ci viene segnalata sempre da Colombo 3000. Si tratta della velocità.

Come visto in precedenza, WordPress, nato come piattaforma per blog, deve “adattarsi” a svolgere altri compiti, seppure questo sia comunque possibile.

Il problema più difficilmente risolvibile è legato all’eccessivo utilizzo di plugin e funzionalità della quasi totalità dei temi per WP disponibili online. L’obiettivo di chi li sviluppa, infatti, è quello di offrire il maggior numero di strumenti possibili a chi li acquista. In questo modo, però, le pagine finiscono con l’essere colme di funzionalità non sfruttate.

La stessa cosa può essere detta per i plugin. Un loro utilizzo eccessivo rende WordPress una piattaforma pesante e poco performante.

Da come ti ho illustrato il problema, ti dovrebbe anche essere evidente la relativa soluzione:

  • ripulire i temi acquistati da tutto ciò che non serve o non viene utilizzato
  • eliminare tutti i plugin installati che non servono
  • utilizzare plugin in grado di migliorare le prestazioni del sito

Questo ultimo punto, seppur determinante, richiede molta attenzione da parte del webmaster. Ecco le informazioni che ci arrivano direttamente da Google PageSpeed Insight: “Esistono diversi plug-in di WordPress che possono esserti utili per incorporare le risorse di importanza critica o rimandare le risorse meno importanti. Fai attenzione perché le ottimizzazioni offerte da questi plug-in potrebbero interrompere le funzionalità del tuo tema o dei tuoi plug-in, pertanto potresti dover modificare il codice.”

Proprio per il fatto che la nostra agenzia è molto attenta nella ricerca per ottenere risultati sempre migliori riguardo al posizionamento su Google, lo sviluppo di siti in WordPress a Forlì e Cesena avviene unicamente attraverso la nostra piattaforma Swimme. Questa caratteristica unica ci consente di sfruttare tutti gli aspetti positivi di WP senza dover rinunciare alla velocità.


L’aspetto positivo del far parte di una enorme community: innumerevoli plugin e aggiornamenti e miglioramenti costanti

community di sviluppatori

L’esperto in Search Marketing Massimo di Gregorio ha una visione molto positiva di WordPress e, all’interno del suo blog, sottolinea alcuni vantaggi collegati alla presenza di una enorme community che lavora con/per questo CMS.

La sua visione è talmente ottimista da arrivare alla conclusione che “grazie ai tantissimi plugin è possibile avere una soluzione per ogni necessità: non c’è un’esigenza che qualche plugin, gratuito o a pagamento, non possa soddisfare.”

Il fatto di poter essere liberi, quando ci si affida a WordPress, e di non essere legati ad un software scritto da un programmatore e che solo lui conosce, è un punto di vista che, per certi versi, ha buone basi di validità. 

Credo, tuttavia, che per risolvere determinate problematiche sia necessario un web developer esperto e che il rischio di affidarsi a freelance inesperti, alla lunga, possa mostrare le sue criticità.

Un aspetto che, invece, non necessita di opinioni, è la possibilità di avere un CMS gratuito continuamente aggiornato e migliorato.

Pochissimi web agency, infatti, possono permettersi il lusso di avere una piattaforma proprietaria con queste caratteristiche. L’aggiornamento di quest’ultima richiede sforzi non indifferenti e costi.


Tanti strumenti per fare la SEO al meglio

seo

Se hai letto con attenzione questo articolo fino a qui, avrai ben chiaro quali sono i rischi a cui facilmente si va incontro, in tema di posizionamento su Google, quando si utilizza WordPress.

Come tu stesso puoi leggere nel blog di Andrea Di Rocco, uno dei maggiori esperti di WordPress in Italia, la differenza la fa il web designer: solo quelli più bravi, infatti, sono in grado di configurare il tuo sito a regola d’arte.

Se prima ti ho parlato dei rischi, ora vediamo in breve alcuni vantaggi legati alla SEO che caratterizzano WP e l’utilizzo dei suoi migliori plugin:

  • ottimizzazione del codice e della struttura della pagina
  • ottimizzazione degli url con la possibilità di personalizzazione ad hoc dei permalink
  • gestione degli errori 404 (pagina non trovata)
  • aumento della velocità attraverso l’utilizzo della cache

Come vedi gli strumenti in cui “mettere le mani” ci sono, eccome! Come ogni strumento deve essere ben conosciuto se vogliamo che dia dei risultati, ma questo è un altro discorso.


Sviluppare siti in WordPress utilizzando page builder come Elementor: quando farlo e quando no

usare un page buider di wordpress

Un altro aspetto da analizzare è l’utilizzo di page builder all’interno di WordPress. Chi conosce Elementor (o un altro strumento simile) e lo usa già da diverso tempo, potrebbe considerarlo indispensabile per la creazione di determinati layout grafici.

Il bravo Tiziano Fogliata, consulente e formatore in ambito WordPress e digital marketing, tuttavia, ci mette in guardia di fronte ad un utilizzo smodato di questi strumenti. In un recente articolo del suo blog, infatti, ci spiega come, per realizzare “semplici” pagine, non solo sia più veloce il normale editor di base di WP, ma anche più “pulito” a livello di codice e di SEO.

Se hai un minimo di dimestichezza con il codice HTML, ti invito a dare un’occhiata al suo interessante video per capire bene di cosa si tratta.

Non importa, quindi, quale strumento conosci meglio, ma quello migliore per raggiungere il tuo scopo.


Come per la tua pagina Facebook anche per la gestione del tuo sito WordPress esistono diversi ruoli e autorizzazioni

gestione dei ruoli in wordpress

Tra i vari aspetti positivi di WordPress, che ti dovrebbe essere familiare se più persone all’interno della tua azienda gestiscono la vostra pagina di Facebook, ti segnalo la funzione multi utente.

Come ci suggerisce anche un articolo del blog di WP Special, decisamente a favore di WordPress, hai la possibilità di assegnare ad ogni utente una propria sezione del sito in cui operare, lasciando il controllo completo all’amministratore.

Non solo, grazie alla gestione dei ruoli, hai la possibilità di assegnare uno o più dei seguenti compiti (permessi):

  • Leggere gli articoli
  • Scrivere e modificare gli articoli
  • Pubblicare gli articoli
  • Installare i plugin (e, quindi, occuparsi degli aspetti più tecnici)
  • Gestire i permessi degli altri utenti
  • Moderare i commenti


Contattaci

Se vuoi conoscere meglio la nostra piattaforma Swimme e scoprire il nostro metodo unico con cui realizziamo siti web a Forlì Cesena non esitare a contattarci.

Se vuoi scoprire come integrare Instagram sul sito web, potrebbe interessarti questo articolo in cui abbiamo elencato i 5 migliori plugin WordPress per Instagram gratuiti.