Creare landing page per Instagram per fare lead generation

creare landing page per instagram
03Gen, 2021

Oggi vediamo quali regole seguire per creare landing page per Instagram ideali per generare contatti (lead). In particolare, poi, ci soffermiamo sul metodo per trasformare i tuoi follower di Instagram in contatti di WhatsApp.

Riuscire a concretizzare delle vendite attraverso questo social network così popolare è l’obiettivo di moltissime attività locali come la tua.

In questo articolo ci occuperemo di marketing e lo faremo non solo utilizzando questa app, ma servendoci di altri strumenti fondamentali come la landing page.

Se ancora non conosci il nostro progetto Swimme, l’intento è quello di far dialogare fra loro tutti gli strumenti a disposizione delle piccole attività locali, per ottenere il massimo della visibilità possibile contenendo i costi e i tempi.

Quello che vedremo oggi ti servirà per realizzare una strategia multicanale.

Conquista il tuo pubblico su Instagram, mostrare i vantaggi che avrebbe se rimanesse in contatto con te e sfrutta il canale di WhatsApp per le tue comunicazioni di servizio.

Perché limitarsi ad una piattaforma quando puoi averne 2?

Ricorda: 

  • ogni tuo cliente ama ricevere informazioni sul suo canale preferito
  • ogni canale è perfetto per una tipologia specifica di messaggio (empatico o informativo)


Le 5 regole per una landing page per Instagram di successo

landing

Vediamo insieme gli ottimi consigli presenti in un articolo del blog di Hootsuite per evitare che il tuo cliente, dopo aver cliccato su una tua inserzione pubblicitaria su Instagram, atterri in un luogo ostile (vedi foto).

Non mi voglio soffermare su come creare una inserzione su Instagram e ti rimando, per questo, alla guida ufficiale. Unica precisazione: l’obiettivo della tua campagna pubblicitaria dovrà essere la conversione sul sito web

Se con una inserzione accattivante sei riuscito a stuzzicare il suo interesse, ora devi invitarlo a fare un’operazione ancora più importante: lasciarti i suoi dati per permetterti di contattarlo in seguito, creando, così, un vero e proprio legame.

Chiarito il concetto, passiamo agli elementi chiave di una landing page per Instagram:

  • un messaggio chiaro e completo: cerca di essere sintetico ma fai in modo che tutte le informazioni importanti siano presenti. L’utente non deve lasciare questa pagina per ulteriori chiarimenti!
  • la Call To Action: deve essere chiaro al visitatore cosa deve fare per poter avere il vantaggio che gli stai promettendo (per es. compilare il breve form inserendo i propri dati)
  • le riprove sociali, i pareri di altri tuoi clienti, le migliori recensioni che hai ricevuto: il visitatore deve fidarsi di te se vuoi che ti lasci il proprio contatto. Sapere che altri lo hanno fatto, lo aiuterà.
  • il beneficio che riceverà il tuo visitatore: mettiti nei suoi panni e fagli capire chiaramente qual è il valore della tua offerta. Cosa ci guadagna? Perché dovrebbe accettare di essere contattato da te in futuro?
  • nessuna interruzione: né grafica né di contenuto. E’ necessario che ci sia una corrispondenza evidente tra la tua inserzione su Instagram e le immagini e il messaggio presenti nella landing. Evita che il visitatore si senta spaesato (o pensi di avere frainteso) e abbandoni la pagina!


Come utilizzare Instagram e la landing page per competere con Amazon

utilizzare instagram per competere con amazon

Ecco alcuni consigli di Unbounce che puoi mettere in pratica:

  • metti in risalto la tua nicchia di mercato, la tua esperienza e passione. Lo sappiamo bene: su Amazon puoi trovare qualsiasi cosa. Sfrutta questa caratteristica facendola risultare come un difetto. Su Amazon c’è di tutto e di più. C’è da perdersi. Fai in modo che i tuoi feed siano armoniosi (magari utilizzando sempre lo stesso filtro). Diventa riconoscibile e coerente. In questo modo sarà più facile per te essere identificato come specializzato nel tuo settore e ottenere maggiore fiducia.
  • effettua le consegne in giornata ai tuoi clienti in zona. Metti in evidenza nelle caption dei tuoi post e, soprattutto, in bio, questo tuo servizio. Consenti ai tuoi clienti di poterti contattare in Direct o su WhatsApp. Cerca di essere sempre disponibile e attenta alle loro esigenze. Perché rinunciare a competere con Amazon Prime se tu hai la possibilità di consegnare in giornata?
  • utilizza delle promozioni irresistibili. Amazon è considerato molto economico, anche per il fatto che i negozianti al suo interno sono molti e competitivi. Non abbatterti. Innanzitutto, per quanto riguarda il prezzo, calcola che tu non devi calcolare nessuna commissione. Inoltre sei libero di decidere quale prodotto utilizzare all’interno della promozione. Hai rimasto una sola taglia e hai paura che di non riuscire a venderla? Desideri fare spazio in magazzino e “liberarti” di qualcosa? Pubblicizza le tue promozioni con Instagram e WhatsApp.
  • consiglia i tuoi clienti. Uno degli aspetti che ha reso grande Amazon è stato (ed è) il customer care. Resi gratuiti, assistenza tecnica e tracciamento degli ordini sono settori in cui difficilmente puoi competere. Ma quale addetto al customer care è anche esperto di moda (o del tuo settore) ed è in grado di fornire consigli utili? Puoi farlo sia in Direct con su WhatsApp.


Cosa offrire nella landing page in cambio della registrazione dell’utente

cosa offrire nella landing page

Prendendo spunto da un articolo di Cristina Skarabot andiamo a vedere quali contenuti far scaricare all’interno della nostra landing page in cambio delle informazioni che ci lascierà il nostro follower di Instagram. Per rendere la lista ancora più completa, ho voluto dare un’occhiata su altri blog in cerca di ulteriori idee e suggerimenti pratici.

  • ebook: un dépliant o un opuscolo di poche pagine con contenuti di valore.
  • whitepaper: documenti tecnici, analisi di mercato, report appartenenti al settore di interesse del tuo visitatore
  • iscrizione alla newsletter: promettendo, però, che si tratta di email interessanti (consigli utili, aggiornamenti) e non commerciali
  • iscrizione ad un evento o corso online: in questo caso ti consiglio, successivamente all’iscrizione, di inviare diverse email / messaggi promemoria durante l’avvicinamento alla data
  • primo capitolo di un libro: contenente, magari, le tue ricette in cucina
  • guida all’acquisto: relativa ai tuoi prodotti, al tuo settore o, in generale, consigli su cosa regalare
  • checklist: simile ad una guida ma, in questo caso, il contenuto potrebbe essere una lista asciutta di operazioni da compiere
  • tutorial (video): in cui fai vedere, ad esempio, come eseguire una sessione di esercizi per gli addominali
  • consulenza gratuita: attraverso la quale hai la possibilità di far conoscere tutta la tua competenza e capacità di risoluzione dei problemi
  • offerta speciale, coupon o buono spesa: per incentivare l’acquisto nel tuo e-commerce o negozio fisico (ma va bene anche per ristoranti)
  • preventivo personalizzato: nel caso in cui ti occupi di un settore in cui non esiste un listino ed è richiesta un’analisi approfondita preliminare
  • accesso ad un’area “vip”: un’area riservata all’interno del suo sito in cui sono raccolti contenuti di valore (o riservati)
  • giveaway: scegli tu se far vincere tutti i partecipanti o estrarne alcuni a sorte. Rispetto ad un contest, infatti, non si vince per merito o abilità


Come evitare la pubblicità invadente su Instagram e fornire annunci migliori

evitare pubblicita invadente

Se finora abbiamo visto nel dettaglio le caratteristiche che deve avere un landing page per essere efficace, ora poniamo la nostra attenzione su tutto quello che accade prima: la pubblicità su Instagram.

Leggendo l’interessante articolo del blog di Instapage ti dovrebbe essere immediatamente chiaro un concetto: un utente online medio è esposto, ogni giorno, a qualche migliaio di annunci pubblicitari. Non solo: alcuni di loro sono anche invasivi, irrilevanti e invadenti.

Perché questa premessa? Per aiutarti a cambiare punto di vista.

Se sei così attento a creare inserzioni accattivanti e bravo a mostrarle ad un pubblico che rientra perfettamente nel tuo target avrai evitato:

  • il fastidio da parte dell’utente di essere invaso da un’altra pubblicità fuori dai propri interessi
  • una spesa inutile

Come sempre, partiamo dalla guida di Facebook sull’utilizzo della targetizzazione dettagliata. Non devi, infatti, limitarti a selezionare il pubblico della tua campagna solamente in base al luogo, all’età e al genere, altrimenti, renderesti inefficace tutto il discorso fatto finora.

Tuttavia, i dettagli, quando parliamo di social media marketing, non sono mai abbastanza! 

Per fortuna Gianpaolo Antonante ha scritto una guida davvero utile e, soprattutto, pratica e ricca di esempi, su come targetizzare il pubblico con Facebook Ads. Ecco un paio di esempi:

  • se sei un dentista, difficilmente troverai un pubblico della tua zona interessato ai dentisti. Ciò che devi fare, quindi, è fare mente locale sui tuoi clienti: cosa li accomuna? La loro professione? Altri interessi?
  • se ti occupi di web marketing, fai attenzione a quanti si fingono imprenditori su Facebook. Inoltre, chi potrebbe essere interessato a questo argomento? Forse i tuoi competitor! Quindi devi ragionarci su e capire su quali altri interessi puntare nella targetizzazione

Pensi che sia tutto? No! Gianpaolo ci insegna anche come pulire il pubblico e utilizzare il budget in modo più efficace.


Come trasformare i tuoi follower di Instagram in contatti di WhatsApp

trasformare follower instagram contatti whatsapp

La nostra web agency di Forlì Cesena è specializzata in WhatsApp Marketing. Questa nostra esperienza ci consente di aiutarti a sfruttare al meglio WhatsApp Business come strumento di marketing per la tua attività.

Ecco alcuni esempi di landing page mirate ad ottenere nuovi contatti su WhatsApp, e, quindi, nuovi potenziali clienti: