Come fare crescere il tuo negozio di abbigliamento online

negozio di abbigliamento online
16Mag, 2021

Visto il crescente successo che sta avendo la piattaforma online Stitch Fix ho deciso di analizzare insieme a te alcune delle sue idee rivoluzionarie che tu stesso potresti applicare per migliorare il tuo negozio di abbigliamento online.

Nel 2017 Stitch Fix ha segnato un 20% di crescita del proprio fatturato, mentre, nel terzo trimestre del 2019, l’incremento è stato del 29%.

So bene che sto parlando di un colosso, ma credo che per qualunque piccola e media impresa possa essere illuminante comprendere cosa abbia portato Stitch Fix verso l’ascesa per ottenere alcuni spunti da applicare alla propria attività.

È importante avere un buon empatia con i tuoi clienti. Capire quando è il momento di avvicinarsi e quando, invece, è bene lasciargli un po’ di respiro. 

Sia che nel vostro negozio di abbigliamento vendiate prodotti per un pubblico giovane, sia che i vostri potenziali clienti abbiano superato i 50 anni, aprire un negozio online può essere molto complesso.

Non mi riferisco tanto alle operazioni burocratiche relative alla tua partita iva o alla scelta della piattaforma web migliore. Avere successo con la vendita online di abbigliamento richiede molta costanza.

Se hai intenzione di creare un e-commerce per aumentare le vendite del tuo negozio fisico troverai molto utili questi suggerimenti.

Ti segnalo anche la guida di WhatsApp Marketing per un negozio di abbigliamento. Scopri anche come utilizzare al meglio le liste broadcast e come vendere con WhatsApp se hai un’attività locale.


Il tuo giudizio di esperto di moda è fondamentale

All’interno di un sito e-commerce con centinaia di prodotti è facile trovare tantissimi filtri che aiutano il cliente a fare una selezione iniziale.

Taglia, colore e vestibilità sono solo alcuni dei parametri che di norma si possono utilizzare.

Alcuni sistemi più evoluti pongono al visitatore delle precise domande:

  • Per quale occasione speciale stai cercando l’abito? 
  • Quale genere preferisci? 
  • Quale tra queste foto rappresenta di più il tuo stile? 
  • Quali altri capi di abbigliamento hai acquistato di recente? 
  • Qual è il tuo brand preferito?

Lo scopo è quello di creare un profilo della persona in base alle risposte fornite.

Tu stesso puoi proporle all’interno del tuo negozio online. Per far questo, però, non deve limitarti a chiedere, ma devi anche fornire delle risposte. In che modo? Quando inserisci un nuovo capo di abbigliamento nel tuo shop devi attribuirgli anche una serie di parametri per verificare se potrebbe combaciare o meno con i gusti del tuo cliente online.

Sebbene il programma di riconoscimento delle risposte potrebbe già di per sé offrire delle risposte al tuo cliente, la tua figura (di esperto di moda e di stile) è spesso indispensabile.

Interagire online con ogni cliente è molto difficile, ma non impossibile come potresti credere. Oggi, con Facebook Messenger e Whatsapp, infatti, comunicare è diventato molto veloce e immediato. Se un cliente ti contatta in un momento, magari, in cui hai un po’ di tempo libero nel tuo negozio, puoi assisterlo e mettere a sua disposizione tutta la tua esperienza.

Ricorda: puoi avere una strategia di web marketing con i fiocchi, ma se non sfrutti i tuoi social network per fornire una cordiale e attenta assistenza ai clienti, risulta tutto inutile.

Scopri anche come Instagram sul proprio sito web può migliorare la SEO. Nel campo della moda e non solo.


I clienti collaborano volentieri se ottengono benefici

Per un attimo mettiti nei panni di un tuo possibile cliente che visita il tuo sito web e facciamo un ragionamento insieme. 

Non trovi che rispondere a tante domande sia un po’ noioso (fa perdere un sacco di tempo) o addirittura fastidioso (sono dati personali)? 

Perché allora dovresti passare il tuo tempo davanti allo schermo per fare un questionario? Giusto? Ma non è finita…

Quando sei in un grande magazzino, quante volte, magari dopo averlo anche provato in camerino, rinunci all’acquisto di un capo di abbigliamento ed esci senza dire alla commessa il perché non l’hai scelto? Quasi sempre, vero?

Se la realtà è questa, allora tu mi chiederai a questo punto: com’è possibile ottenere delle informazioni, o meglio ancora dei pareri da parte dei clienti?

Stitch Fix ha una caratteristica fondamentale: offre un servizio personalizzato. 

Sarai d’accordo con me sul fatto che, se ottieni un beneficio in cambio, sei più propenso ad offrire informazioni? Se ha a disposizione un esperto di stile, non vorresti approfittarne? Quale cliente sarebbe disposto ad acquistare un prodotto senza avere nessuna informazione a riguardo?


Il paradosso della scelta

Comprare online, per certi versi è molto comodo, tuttavia è indiscutibile che sia importante imparare a farlo, concentrarsi e dedicare del tempo: alcune persone addirittura si stressano a farlo. Questo fenomeno è noto come il paradosso della scelta e significa che, avere troppe scelte a disposizione, può rendere il processo decisionale più difficile che facile.

Un vero e proprio personal styling, in questo caso, potrebbe sostituirsi al cliente nel processo decisionale, idealmente fare il lavoro difficile per lui, e fornirgli solo una selezione di capi e accessori.

Trovo che questo punto di forza di Stitch Fix possa essere anche il tuo. Non è facile scontrarsi contro i colossi della vendita di abbigliamento online, ma proprio il fatto di offrire un servizio personalizzato che aiuti il cliente a compiere la scelta migliore potrebbe darti un grande vantaggio.

Se quando sei in negozio riesci a capire quando è il momento di aiutare un cliente in difficoltà, la stessa cosa la puoi fare online grazie al marketing predittivo.

Scopri anche come attirare clienti in negozio e scatenare il passaparola.


Completa il tuo outfit

Questa funzionalità probabilmente non ti risulterà nuova, in molti e-commerce, infatti, all’interno di ogni scheda prodotto, è facile trovare consigli sull’acquisto di altri capi di abbigliamento per completare il relativo outfit.

Non è di questo, infatti, che ti voglio parlare, ma di un altro servizio personalizzato: un tuo cliente potrebbe inviarti la foto di un suo capo di abbigliamento e chiederti se in negozio hai qualcosa con cui abbinarlo.

Non si tratta, quindi, di abbinare fra loro capi del tuo negozio online, ma farlo partendo da una richiesta di aiuto da parte del tuo cliente che già è in possesso di un pantalone o di una camicia, magari nemmeno acquistati da te.

Ti ho parlato di come utilizzare una live chat per non far mai sentire i tuoi clienti online soli nell’articolo in cui ho raccolto 10 consigli su come pubblicizzare la propria attività gratis.


Acquista nuovi colori

Un’altra funzionalità che potresti aggiungere nel tuo shop online è la possibilità di suggerire in maniera personalizzata al tuo cliente altre varianti dei capi acquistati in precedenza. Magari il maglione che tanto gli era piaciuto ora è disponibile anche in altri colori. O la sua camicetta ha altre fantasie.

Questa è la classica situazione in cui hai una informazione chiara da parte del tuo cliente per quanto riguarda i suoi gusti e puoi sfruttarla per proporgli consigli su misura.


Approfondimenti

In conclusione ti vorrei presentare Swimme, il sito web ideale per chi possiede un negozio. La nostra web agency, oltre ad occuparsi di realizzazione di siti web, è in grado di fornire anche utili consigli a chi, come te, vorrebbe fare crescere il proprio negozio di abbigliamento. 

Potrebbe interessarti l’articolo che abbiamo scritto sulla scrittura persuasiva per artigiani per capire come siano più importanti i benefici del prodotto in quanto tale.

Un’altra guida che potrebbe fare al caso tuo riguarda Google Ads e la sua nuova corrispondenza a frase. Ti aiuterà a capire come creare al meglio le tue campagne pay per click su questa piattaforma e come ottimizzare la pagina di destinazione dei tuoi annunci.

Rimanendo in tema di marketing, vorresti sapere cosa offrire nella tua landing page in cambio della registrazione di un nuovo potenziale cliente? Una guida all’acquisto e un buono spesa sono alcune idee. Scopri di più su come fare landing page per Instagram per fare lead generation per il tuo negozio di abbigliamento online.


Negozio di abbigliamento online: come aprirlo in 6 semplici passaggi

negozio di abbigliamento online come aprirlo

Stephanie Vozza, nel suo articolo (in inglese), è riuscita a sintetizzare, in soli 6 passaggi, come aprire un negozio di abbigliamento online.

  • Acquista un dominio. Il più corto e più semplice possibile, ti suggerisco io. Dimentica la SEO per un attivo, non fare l’errore di scegliere un dominio solo perché contiene la tua parola chiave. Evita anche i trattini di separazione. Se non riesci a trovare un dominio libero che abbia il nome del tuo negozio, prova ad aggiungere la tua città.
  • Scegli la piattaforma di e-commerce più adatta alla tua attività. Sarò di parte, ma ritengo che Swimme sia la scelta giusta per un negozio di abbigliamento che decide di fare la scelta di entrare nel mercato online.
  • Trova la tua proposta di vendita unica. La scelta di una USP (unique selling proposition) vincente, può cambiare radicalmente le sorti dell’intera campagna pubblicitaria. Questo è uno dei motivi per cui il content marketing è fondamentale per le attività locali.
  • Studia il tuo mercato di riferimento. Puoi affermare con certezza di conoscere il comportamento dei tuoi concorrenti e quello dei tuoi clienti tipo? All’inizio puoi anche utilizzare la targetizzazione ampia. È un po’ costosa, ma se inserita all’interno di una precisa strategia di marketing di permette di vendere con Facebook e trovare potenziali clienti.
  • Ottimizza il tuo sito web. Affidati alla consulenza dei nostri SEO di Forlì Cesena. Grazie al posizionamento su Google per aziende, infatti, puoi ottimizzare il sito web del tuo negozio online e ottenere traffico organico (gratuito!).
  • Fai pubblicità online. Oltre alla SEO, ti consiglio di inserire nella tua strategia anche la gestione di campagne Google Ads e il social media marketing.


Come creare un negozio di abbigliamento online che funziona (ed evitare buchi nell’acqua)

come creare un negozio di abbigliamento online che funziona

Non è così importante capire come funziona un negozio online, piuttosto, come farlo funzionare. Se sono i dettagli tecnici a spaventarti, ti invito a leggere l’articolo (in inglese) di Armando Roggio.

Si tratta di una guida pratica per avviare un’attività di e-commerce.

Prima di preoccuparti del fatto di non essere un grande esperto di computer è necessario che tu conosca bene le “acque in cui stai per navigare”.

Se il tuo negozio online non funziona, infatti, è superfluo pensare alla logistica, al software per la gestione del magazzino, ecc.

Il riferimento è al libro “Blue Ocean Strategy” scritto nel 2004 da W. Chan Kim e Renée Mauborgne.

Ti spiego subito la metafora: il mondo degli affari è diviso in oceani rossi e oceani blu. Un oceano rosso è pieno di concorrenza: l’acqua è rossa a causa di tutti i sanguinosi combattimenti che si svolgono al suo interno. Un oceano blu, invece, rappresenta acque limpide. L’ambiente ideale e profittevole, in cui puoi fare business senza dissanguarti.

Come trovare un oceano blu?

Risolvendo un problema.

Un negozio online che funziona molto spesso deve la sua fortuna al fatto di aver risolto un problema a cui nessuno era stato in grado di dare risposta.

Uber, per esempio, deve il suo successo alla gestione efficiente dei pagamenti e della fruibilità dei servizi offerti.

Il consiglio per creare un negozio di abbigliamento online che funziona è di studiare Amazon.

Evita di navigare nelle sue acque! Scopri le sue lacune, leggi quali prodotti non riescono a soddisfare i suoi clienti. Parti proprio dai problemi a cui fa fatica a dare risposta.

Questa è la linea che ti consiglio di seguire: non aprire un negozio online solo per vendere o guadagnare. Fallo per rispondere ad una esigenza che ancora nessuno sta risolvendo.


Come spedire e quale corriere scegliere per i pacchi del tuo negozio online di abbigliamento

come spedire i pacchi del tuo negozio online

Se non sai come scegliere il miglior corriere per il tuo e-commerce, ti consiglio di leggere con attenzione l’articolo di Francesco Chiappini.

Sono infatti diversi i fattori che devi calcolare per capire come prendere la decisione migliore e quale corriere utilizzare per spedire i tuoi vestiti:

  • La tariffa più economica in base alla destinazione, alla tipologia, volume e peso della merce.
  • Nel contratto annuale sono previste (oltre alla tariffa) anche voci extra (supplemento carburante, spese di giacenza, telefonata al cliente, contrassegno, consegna al piano, assicurazione, ecc.).
  • Avere un referente di zona (in caso di problemi) è consigliabile, soprattutto se inizi a fare molte spedizioni.
  • Lavorare con più corrieri è consigliabile: non solo li metti in competizione, ma sei in grado di valutare quando utilizzarne uno piuttosto che un altro.
  • Un ultimo consiglio riguarda l’imballaggio: realizzali sempre “a prova di bomba”, qualsiasi corriere utilizzi.

Una recente indagine di Altroconsumo (settembre 2019) ha tenuto conto della puntualità delle consegne e dai danni apportati ai pacchi.

Ha intervistato oltre 3000 persone per conoscere la loro esperienza con le consegne.

L’indagine ha consentito di creare una classifica di soddisfazione degli utenti rispetto ai principali corrieri.

Ai primi 3 posti troviamo: Mail Boxes Etc., UPS e TNT.

Chiudono la classifica: SDA, Nexive e Poste Italiane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *